Adesso parlo io!

Il mondo secondo gli occhi di un puffo!

Posts Tagged ‘politica’

DIMISSIONI?

Posted by vitaliano82 su mercoledì, 19 gennaio 11

Vogliamo dei motivi “seri” per le dimissioni del premier più calzanti e che lo metterebbero alle strette?

Eccone alcuni, i più banali:

1 tasse aumentate e non ridotte (come viene proclamato da più di 16 anni)

2 aumento della presenza statale nell’economia (caso alitalia su tutti)

3 nessuna liberalizzazione (enti comunali, rai, ecc…)

4 nessuna riforma della giustizia (separazione carriere, abolizione obbligo azione penale…)

5 provincie non solo mantenute ma aumentate

6 nessuna abolizione delle comunità montane

 

Berlusconi ha deluso molto più per queste sue mancanze piuttosto che per i suoi comportamenti disdicevoli che, non possiamo mettere la testa sotto la sabbia, accadono (in toni più o meno simili) nelle aziende, nelle università e in moltissimi altri luoghi.

Il nostro problema è proprio questo: si cerca di guardare al lato scabroso e meno serio piuttosto che alla questione centrale, di uno stato sempre più pervasivo e che lascia sempre minori libertà all’individuo

Posted in opinioni, politica | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SANTORO E’ UN GIORNALISTA MEDIOCRE

Posted by vitaliano82 su venerdì, 15 ottobre 10

Diciamolo.

Con la scusa che fa molti ascolti viene celebrato dai più.

Ma anche la De Filippi fa ascolti, anche domenica in, anche quei serial ignobili italici.

Nel loro campo non sono certo prodotti di qualità.

Ma ancor più mediocri sono i metodi con il quale si cerca di fermarlo, ingrandendone il mito, quello che hanno fatto di una sorella imitatrice una testa pensante, di un comico alle pezze un guru, di un giornalista che avrebbe avuto difficoltà a trovare lavoro come bidello uno scrittore di best seller.

Il rimedio è unico PRIVATIZZARE LA RAI e smetterla di cercare un modo di non far parlare santoro e pensare piuttosto a far parlare i fatti. Visto che quelli mancano da molto, troppo, tempo

 

Posted in opinioni | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

NUOVE ELEZIONI?

Posted by vitaliano82 su martedì, 7 settembre 10

Ormai il dado è tratto e sembra che su questa legislatura possano già scorrere i titoli di coda. Fini è sfiduciato (pur rimanendo saldo sulla sua poltrona) e di fatto ha sfiduciato Berlusconi.

Il pensiero che questo governo possa cadere non dovrebbe rattristarci, ma se si pensa a quello che potrà venire dopo, beh c’è poco da star allegri. Guardando al futuro con gli occhi di oggi una nuova alleanza Berlusconi-Fini-Bossi è altamente improbabile, come è improbabile, ancorchè grottesca, un’alleanza Fini-Casini-casino a sinistra. Quindi anche in Italia dovrebbero esserci grossomodo tre poli: Pdl-Lega, Udc-Rutelli-Fini (già registrato da Casini da tempo il nome “Partito della Nazione”), Unione con Di Pietro-Pd-Vendola con quest’ultimo probabile candidato premier.

Detto che nessuno di questi è in grado di avere i numeri per vincere (non tanto alla camera dove basta la maggioranza relativa, ma al senato), ci troveremmo di fronte ad un parlamento appeso con forte puzza di grande coalizione.

Ma a chi converebbe? Di sicuro a giovarne sarebbero Di Pietro e Lega, che vedrebbero schizzare in alto i propri consensi o ai partiti rimasti fuori che potrebbero raccogliere a piene mani i frutti di un successo parlamentare, ma estromesso questi gruppi ben pochi potrebbero guadagnarci da queste nuove elezioni.

In primis i parlamentari neo-eletti che non hanno ancora maturato i giorni per il vitalizio, Berlusconi che è in pieno calo di consensi (anche se qualcosa potrebbe sempre inventarsi) e che verrebbe schiacciato ancor più dalla lega che potrebbe accampare nuovi diritti sulle amministrazioni locali (vero bacino economico leghista), al Pd che è in crisi cronica e a Vendola che potrebbe rischiare di bruciarsi come è successo a Veltroni (e addio al Berlusconi di sinistra), senza dimenticare Fini che non è riuscito a spiegare ai suoi elettori perchè sta facendo più danni di un Bertinotti di destra.

La battaglia si giocherà accanto al premier, se vinceranno i consigli di un Bossi o di un Letta. Tanto a pagare alla fine siamo sempre noi.

Posted in opinioni, politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

CHE PAESE E’?

Posted by vitaliano82 su venerdì, 8 gennaio 10

quello dove un finto liberale dice di diminuire le tasse e poi le aumenta,

il suo maggiore antagonista è un buffone dal passato tutt’altro che limpido che è diventato paladino dei giustizialisti,

i giornalisti più considerati sono persone che non fanno inchieste ma mettono insieme pezzi di sentenze facendoli dire tutto quello che vogliono loro,

ci si indigna per via craxi (che può essere pure giusto) ma si può passeggiare tranquillamente in via stalin o stalingrado (immagino corso pol pot),

si fa della pubblicità sulla tv pubblica dove si dice che si paga il canone per essere liberi,

i socialisti stanno più a destra dei democristiani,

dove le persone con più di 60 anni dicono largo ai giovani mentre sono inchiodati alla poltrona,

che paese è?

Posted in opinioni, sfogo | Contrassegnato da tag: , , , , , | 5 Comments »

HANNO VINTO TUTTI!

Posted by vitaliano82 su lunedì, 8 giugno 09

Stamattina, come al solito dopo ogni elezione, mi sono concentrato sulla lettura e la visione di più notizie e approfondimenti su questa tornata elettorale.

Devo ammettere che questa tornata mi ha trovato alquanto disinteressato per vari motivi, partendo dalla scandalosa attenzione data a fatti gossipari bassa leva (speriamo che fra due settimane quando le elezioni vadano in archivio tutte queste stronzate che hanno insozzato etere e carta stampata), arrivando al fatto che a me di provincie ed europa, detta abbastanza volgarmente, non me ne può fregare di meno.

I motivi sono piuttosto semplici ed eloquenti: le provincie non sono altro che un poltronificio (conosciute per gli interventi nelle scuole o le sponsorizzazioni sportive), mentre il parlamento europeo non fa altro che ratificare le decisioni degli euroburocrati (oltre a ratificare regole tra le più stupide al mondo vedi dimensione e fattezze ortaggi).

Ma stamattina non pensavo a questo mentre mi dimenavo nel fantastico mondo dei media italici. La cosa bella è che ho visto esultare e cantare e ballare cori di giubilo da tutto l’arco politico.

Esultava il Pd (???) per aver “tenuto”, che da oggi apprezziamo sia il sinonimo di “in un anno abbiamo perso il 7%”.

Esultavano gli ulivisti perchè sommando tutti quelli che era possibile sommare alla fine si tenevano vicino a Berlusconi.

Esultava Ferrero perchè “questo è stato un referendum su berlusconi e lui ha perso”, chissà se ha pensato che ci potesse essere stato un referendum sui comunisti.

Esultava la Bonino perchè “i radicali ci sono ancora”, forse in un momento di vuoto di quando riuscirono a raggiungere l’8% per poi buttare tutto nel cesso.

Alla fine se si fanno un paio di calcoli si vede che più o meno è cambiato poco (se si esclude il crollo fallimentare del pd, ma con i voti che più o meno sono rimasti lì tra sinistra e di pietro) e che le intenzioni di voto degli italiani rimangono quelle.

Alla fine non ha vinto nessuno.

Posted in politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

SOGNO O SON DESTO?

Posted by vitaliano82 su lunedì, 16 marzo 09

Come al solito dò il mio sguardo nella rete e scorgo, non senza attimi di vivo terrore, che sul sito del corriere è riportata l’intervista deferente del solito Fazio a Prodi.

Gli stanno tirando la volata, mi dico, ricordando l’antica passione per la pedalata del vecchio boiardo di stato. Solo pochi giorni prima Prodi è sui giornali perchè rinnova la tessera del Pd, comprese le frasi di indubbio giubilo dell’arena poltica tutta, e oggi è da Fazio a parlare del fatto che lo hanno fatto cadere al governo (frasi d’attualità non c’è che dire).

Leggendo l’intervista, essendo poco avvezzo a frequentare il dibattito televisivo edulcorato e fastidioso dell’ex stella de La 7, trovo una serie di virili e coraggiose pugnalate alle spalle verso il dimissionario Veltroni. Che il vecchio presidente Iri non fosse un cuor di leone è chiaro, ma evidente in questi mesi si è cimentato nel nuovo sport del tiro alla croce rossa.

Un dubbio amletico che subito divemnta sgomento mi assale: e se il cambiamento sia nel ritorno der Mortadella?

Posted in opinioni, politica | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

FRANCESCHINI GIURA SULLA COSTITUZIONE A FERRARA…PURTROPPO NON E’ UNO SCHERZO!

Posted by vitaliano82 su lunedì, 23 febbraio 09

Iniziare peggio di così penso sia impossibile. Vista la crisi del PD, la sua inesistenza ed inefficacia e soprattutto l’emorragia di voti Franceschini ha deciso di puntare tutto sull’unico collante già collaudato dalla sinistra l’antiberlusconismo.

In un periodo di crisi internazionale e in cui ci sarebbe molto da parlare e da discutere per queste persone il problema più grande sta nel pericolo di una dittatura berlusconiana e di un attentato alla carta costituzionale.

E’ proprio a questo che mi riferivo nello scorso articolo quando ho ribadito che nonostante tutto il centrodestra e berlusconi rimangano ancora il male minore.

Intanto commenti plaudenti vengono dall’Italia dei valori, ai quali non sembrerà vero di poter vedere avvalorata la propria politica, con sempre l’opportunità di dimostrare che i coerenti sono loro.

A Franceschini un solo consiglio: eviti, per prendere voti al nord, di andare a giurare sul monviso con un’ampolla dell’acqua del Po’.  Se proprio sente bisogno di copiare prenda meno spunto dalla politica becera nostrana e guardi un pò di più alle “sinistre” europee. 

Posted in politica | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

LE RIFORME CHE VORREI

Posted by vitaliano82 su martedì, 9 dicembre 08

Non c’è niente di peggio di una lamentela fine a se stessa, di un “si poteva fare ben altro” senza poi essere propositivi e costruttivi.

La delusione della politica di questo governo ormai socialisteggiante (ma alla fine ci si poteva aspettare di meglio?) mi ha indotto a questa riflessione: quali riforme ti farebbero cambiare idea? Immediatamente e senza troppi pensieri mi sono venute in mente queste 5 riforme, niente di drammatico e strutturale, poche riforme che sono sicuro non farebbero altro che bene.

Sono certo che quello che sto per scrivere difficilmente verrà letto da un grande pubblico o verrà preso in considerazione da qualcuno di “importante”. Questa vuole solo essere la dimostrazione che qualsiasi persona, anche uno come me a digiuno di preparazione economica e politica, possa indicare la strada per una serie di riforme che il paese richiama a grande voce.

Brevemente sono queste le riforme più importanti e di facile esecuzione (quelle che volendo, si possono fare in cinque minuti, tanto per essere terra terra).

  1. abolizione delle provincie e di tutti quegli enti inutili come comunità montane ecc..
  2. abolizione degli ordini professionali
  3. separazione carriere magistato-pm
  4. privatizzazione rai
  5. reinvestire parte dei, molti, soldi risparmiati in riduzione delle tasse

qui mi fermo

Posted in opinioni, politica | Contrassegnato da tag: , , , , | 2 Comments »

BERLUSCONI E IL GOVERNO DEL PRESIDENTE

Posted by vitaliano82 su venerdì, 9 maggio 08

L’hanno chiamato in vario modo, l’hanno criticato prima che fosse arrivato, ma adesso è il momento del Berlusconi IV.

Nato sicuramente sotto la buona stella di un’ampia maggioranza, di una velocità che non ha avuto eguali nella storia della Repubblica Italiana e dotato di una “siluette” (vedi circa 60 componenti) che farebbe invidia ai governi passati (in primis il “ciccione” e ormai defunto governo Prodi con 103 poltrone) ora è il momento dei fatti.

Diamo atto a Berlusconi di una campagna elettorale, meno propagandistica del solito, con note di franchezza sulle difficoltà da affrontare, ma ora vogliamo i fatti.

Delusi da tutti le passate esperienze passate e in costante attesa di quella “rivoluzione liberale” attesa e mai arrivata, siamo alla prova d’appello definitiva per Berlusconi per avere chiarezza sulla sua figura: liberale frenato da coalizioni mostro o demagogo liberale?

Ai prossimi mesi l’ardua sentenza.

Nell’attesa dei primi provvedimenti (detassazione straordinari in primis) mi ha deluso la composizione del governo, con buoni nomi s’intenda, ma nessun colpo alla Sarkozy con figure di spessore alla Ichino (che dovrebbe essere però presidente di commissione) o alla Monti.

E’ stato così perchè è il governo del presidente.

E allora presidente ci sorprenda!

Posted in opinioni, politica | Contrassegnato da tag: , , , , | 2 Comments »

PERCHE’ LA SINISTRA E’ FUORI DAL PARLAMENTO

Posted by vitaliano82 su giovedì, 17 aprile 08

La cosa ha fatto scalpore, molti non se lo sono spiegato, molti si sono arrabbiati, qualcuno ha gioito, altri hanno maledetto gli altri.

Ma il risultato è immodificabile, la sinistra arcobaleno è fuori dal parlamento.

I sondaggi indicavano che ci sarebbe stato un ridimensionamento del battaglione in quel del parlamento, ma nessuno si sarebbe aspettato che la sinistra arcobaleno raccogliesse meno senatori e deputati del SVP, ma anche del Movimento per le autonomia di Lombardo, raccogliesse gli stessi seggi della lista di Ferrara.

Zero, suona strano, sembra surreale ma in questa legislatura non ci sarà nessuno che si definisce di “Sinistra”.

Ho sentito e letto molte interpretazioni su questo tracollo. Tra le più divertenti metterei l’analisi di Diliberto (insieme a Rizzo) che ha accusato nella mancanza della falce e martello la causa della loro debacle. Oppure sul web (che non ha eguali in merito a ipotesi surreali e grottesche) si è letto di gente che ha accusato l’Italia (non i loro beniamini sia ben inteso) di essere un paese di merda o meglio che la colpa è di coloro che guardano “uomini e donne” o il “grande fratello” che non dovrebbero votare, perchè “non informati”.

Inteso che, se fosse passato questo editto di questo simpatico antagonista del suffragio universale, la sinistra arcobaleno si sarebbe trovata con non pochi voti in meno.

Queste balzane considerazioni sono il chiaro segno e sintomo del distacco che questa Sinistra ha dalla sua base elettorale presunta. Come dice bene il giornalista dell’Espresso Damilano, questa sinistra sembra più interessata all’elettorato del centro storico di Roma, della Roma bene e mondana piuttosto che sui deboli.

Ormai la sinistra muove i cuori solo dei “borghesi” intellettualoidi annoiati, gente che non ha mai visto da vicino un tornio o la difficoltà di arrivare alla fine del mese, ma conoscono solo la difficoltà di avere un pass per disabili per parcheggiare impunemente la loro Smart.

Questi “comunisti dalla pancia piena” si possono permettere elucubrazioni su un altro mondo possibile, sulla delinquenza che è frutto di questa società corrotta, mentre alle persone delle periferie che subiscono gli scippi, tocca di sperimentare sulla loro pelle gli altrui teoremi.

Il risultato di queste elezioni è stato chiaro, tanta gente si è ormai stancata di questa sinistra dei circoli privati e alle loro semplici domande hanno trovato gente credibile in altre sponde che è stata la lega al nord e il pdl al sud. Alcuni sono rimasti “fedeli” e hanno votato l’amerikano Veltroni, risultato più credibile di una sinistra che non ha saputo trovare nessun luogo migliore come base elettorale dell’hard rock cafè.

Quale sarà la prossima mossa per rimediare a questo tonfo?

Il ripristino della falce e martello come consigliano Diliberto, Rizzo e Ferrero?

Il ripristino dell’alleanza con il Pd per tornare a scaldare qualche poltrona?

O forse sarebbe meglio, per questi andare dagli ultimi e vedere quali sono i loro reali bisogni, anzichè immaginarseli durante un aperitivo al caffè fandango?

Nel frattempo salutiamo, senza neanche troppo affranto, gli ex onorevoli(?) Diliberto, Pecoraro Scanio, Caruso, Russo Spena, Paolo Cento.

Di sicuro non ci mancherete.

Posted in opinioni, politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | 13 Comments »