Adesso parlo io!

Il mondo secondo gli occhi di un puffo!

Posts Tagged ‘pecoraro scanio’

RISCALDAMENTO GLOBALE: UN NUOVO ANTROPOCENTRISMO?

Posted by vitaliano82 su lunedì, 9 febbraio 09

Che il global warming sia diffusamente accettato negli ambienti mediatici, politici e della (pseudo)società civile (orribile questa espressione!) è fuori discussione.

Che lo sia anche dal punto di  vista scientifico invece non è così chiaro.  Di sicuro c’è una grossa fetta che vede nell’intervento umano la causa scatenante dei cambiamenti climatici (che c’è da dire sulla terra non sono mai mancati), ma è abbondante anche quella fetta di ricercatori che non credono a questo rapporto di causa effetto.

Personalmente sono poco preparato su quest’argomento ed è difficile essere credibili scientificamente se non si hanno le idee chiare. A sensazione mi sembrano più credibili le tesi dei non catastrofisti (anche perchè devo ammettere, non sono accompagnate da uno stuolo di personaggi difficilmente credibili come Al Gore, Pecoraro Scanio…) e perchè alcune ricercha appaiono “guidate” con errori di metodo grossolani. Insomma ha senso calcolare l’andamento delle temperature in millenni non in poche decine di anni. Ma ripeto sono poco preparato in materia e non vorrei entrare nel merito della questione scientifica.

Molto affascinante, invece, è la fauna che si alimenta e  cresce dietro questo catastrofismo. I movimenti ambientali ( i più grossi conservatori mai conosciuti) e coloro che si beano di un mondo che si autodistrugge. In questo atteggiamento vedo un nuovo antropocentrismo culturale: dopo aver scoperto che la terra non è il centro dell’universo è più rassicurante dare all’uomo la forza di distruggere il mondo stesso.

Un nuovo modo per sentirsi migliori degli altri!

Annunci

Posted in opinioni | Contrassegnato da tag: , , , , , | 8 Comments »

PERCHE’ LA SINISTRA E’ FUORI DAL PARLAMENTO

Posted by vitaliano82 su giovedì, 17 aprile 08

La cosa ha fatto scalpore, molti non se lo sono spiegato, molti si sono arrabbiati, qualcuno ha gioito, altri hanno maledetto gli altri.

Ma il risultato è immodificabile, la sinistra arcobaleno è fuori dal parlamento.

I sondaggi indicavano che ci sarebbe stato un ridimensionamento del battaglione in quel del parlamento, ma nessuno si sarebbe aspettato che la sinistra arcobaleno raccogliesse meno senatori e deputati del SVP, ma anche del Movimento per le autonomia di Lombardo, raccogliesse gli stessi seggi della lista di Ferrara.

Zero, suona strano, sembra surreale ma in questa legislatura non ci sarà nessuno che si definisce di “Sinistra”.

Ho sentito e letto molte interpretazioni su questo tracollo. Tra le più divertenti metterei l’analisi di Diliberto (insieme a Rizzo) che ha accusato nella mancanza della falce e martello la causa della loro debacle. Oppure sul web (che non ha eguali in merito a ipotesi surreali e grottesche) si è letto di gente che ha accusato l’Italia (non i loro beniamini sia ben inteso) di essere un paese di merda o meglio che la colpa è di coloro che guardano “uomini e donne” o il “grande fratello” che non dovrebbero votare, perchè “non informati”.

Inteso che, se fosse passato questo editto di questo simpatico antagonista del suffragio universale, la sinistra arcobaleno si sarebbe trovata con non pochi voti in meno.

Queste balzane considerazioni sono il chiaro segno e sintomo del distacco che questa Sinistra ha dalla sua base elettorale presunta. Come dice bene il giornalista dell’Espresso Damilano, questa sinistra sembra più interessata all’elettorato del centro storico di Roma, della Roma bene e mondana piuttosto che sui deboli.

Ormai la sinistra muove i cuori solo dei “borghesi” intellettualoidi annoiati, gente che non ha mai visto da vicino un tornio o la difficoltà di arrivare alla fine del mese, ma conoscono solo la difficoltà di avere un pass per disabili per parcheggiare impunemente la loro Smart.

Questi “comunisti dalla pancia piena” si possono permettere elucubrazioni su un altro mondo possibile, sulla delinquenza che è frutto di questa società corrotta, mentre alle persone delle periferie che subiscono gli scippi, tocca di sperimentare sulla loro pelle gli altrui teoremi.

Il risultato di queste elezioni è stato chiaro, tanta gente si è ormai stancata di questa sinistra dei circoli privati e alle loro semplici domande hanno trovato gente credibile in altre sponde che è stata la lega al nord e il pdl al sud. Alcuni sono rimasti “fedeli” e hanno votato l’amerikano Veltroni, risultato più credibile di una sinistra che non ha saputo trovare nessun luogo migliore come base elettorale dell’hard rock cafè.

Quale sarà la prossima mossa per rimediare a questo tonfo?

Il ripristino della falce e martello come consigliano Diliberto, Rizzo e Ferrero?

Il ripristino dell’alleanza con il Pd per tornare a scaldare qualche poltrona?

O forse sarebbe meglio, per questi andare dagli ultimi e vedere quali sono i loro reali bisogni, anzichè immaginarseli durante un aperitivo al caffè fandango?

Nel frattempo salutiamo, senza neanche troppo affranto, gli ex onorevoli(?) Diliberto, Pecoraro Scanio, Caruso, Russo Spena, Paolo Cento.

Di sicuro non ci mancherete.

Posted in opinioni, politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | 13 Comments »