Adesso parlo io!

Il mondo secondo gli occhi di un puffo!

Archive for the ‘sfogo’ Category

HA ANCORA SENSO AVERE UN BLOG?

Posted by vitaliano82 su mercoledì, 22 giugno 11

La quasi totalità dei blog che seguivo ha chiuso i battenti, in più difficilmente viene letto quello che si scrive e quando accade, molto raramente avviene una crescita attraverso il dialogo e si rischia di cantarsele e suonarsele da solo.

Per questo sto fermo da un pò.

Posted in sfogo | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

SIAMO TUTTI DOPATI!

Posted by vitaliano82 su venerdì, 15 aprile 11

Giuseppe (nome di fantasia per non metterlo nei guai) ora fa il cameriere di notte e lavora nel call center di giorno. E’ un ragazzo che si spacca in quattro per sbarcare il lunario.

Anche una volta Giuseppe si spaccava in quattro ma lo faceva per la sua passione, uno sport epico e letterario come il ciclismo. Giuseppe è giovane ora avrà 24-25 anni, è stato ciclista amatoriale come tutti all’inizio della carriera e poi è finalmente passato al professionismo. 1 anno. Giusto il tempo di farsi beccare positivo al doping. Giuseppe non poteva aspettare non era affermato, ed ha cambiato mestiere.

A cena mentre ci serve al tavolo lo riempiamo di domande. Giuseppe non ha studiato molto, ma è sincero diretto, candido. Io, che un tempo amavo il ciclismo, ma che ora non sopporto più per le sue storiacce, perchè so che dietro un’impresa, c’è sempre un’impresa farmaceutica, lo tempesto di domande.

Lui che non ha un linguaggio forbito quando si parla di medicinali legati all’uso dopante, assume un linguaggio medico sbalorditivo. GH, ormoni vari, anabolizzanti, epo. Li conosce tutti e sa quali siano i loro effetti, “quello lo prendi in preparazione, quello durante le gare, quello a riposo, quello per riprendere massa….”. Sono sbalordito. Racconta che lo hanno riempito già ai tempi del ciclismo giovanile. “Gli allenatori già a 15 anni ti riempiono di medicinali. E’ quella la chiave se vuoi fare carriera”. A 15 anni! Giuseppe ridendo racconta di come una volta mentre era “carico” fece un allenamento dove le gambe sembravano muoversi da sole, “sembravo di stare su un motorino”. Giuseppe ride e ci dice che lui è stato trovato positivo al cortisone. “Ma che mi dovevo prendere a fare il cortisone, che non serve a nulla. Mi hanno beccato l’unica volta che ero pulito”. Il procuratore Torri durante l’interrogatorio gli ha spiegato che sanno come vanno le cose che cercano di prenderli per un niente, perchè lo sanno che sono tutti dopati.

Al che con il magone gli ho chiesto, a lui che è stato in gruppo “ma quindi sono tutti dopati?”. “Sì, siamo tutti dopati, il bravo è quello che non riesce a farsi beccare”.

Che dire prima dell’inizio del giro d’Italia? Buona visione!

Posted in sfogo, sport | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

SE NON LA PENSI COME ME SEI UN CRETINO

Posted by vitaliano82 su martedì, 9 marzo 10

Su quell’interessante mondo che è tumblr stamane ho trovato questo testo attribuito ad Elsa Morante e che molti Tumblogger sinistri hanno riportato. Il testo non contiene niente di nuovo o straordinario, ma il colpo è stato volerlo definire sempre attuale e riconducile al mai troppo odiato-amato berlusconi (come riempirebbero le giornate senza mister b non è dato sapere).

Cito:

Il Capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto. Così un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, è un perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo onesto, sarebbe stato tutt’al più il leader di un partito di modesto seguito, un personaggio un po’ ridicolo per le sue maniere, i suoi atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il buon senso della gente e causa del suo stile enfatico e impudico. In Italia è diventato il capo del governo. Ed è difficile trovare un più completo esempio italiano. Ammiratore della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre di famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che disprezza, si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di profittatori; mimo abile, e tale da fare effetto su un pubblico volgare, ma, come ogni mimo, senza un proprio carattere, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare.

Elsa Morante (Il testo, del 1945, si riferisce a Mussolini)

anche se è uno scritto di elsa morante, questa rappresentazione di mussolini, che i simpatici tumblogger vorrebbero riferire a mister b fa acqua da tutte le parti.

punto 1: testo del 1945, scritto a caldo, senza nessuna indagine storiografica.

punto 2: mussolini non fu mai votato dalla maggioranza degli elettori, solo dopo la presa del potere ebbe un aumento esponenziale del suo seguito. svilire la figura di mussolini, come l’assurda semplificazione hitler=pazzo, rende la maggioranza delle persone dell’epoca teste bacate.

mussolini incarnava molti dei sentimenti di quel tempo, in tutta europa dopo lui ci furono ammiratori e molti paesi seguirono l’esempio italico. la deriva verso dittature fu un inevitabile seguito a politiche molto deboli dalla fine delle grande guerra (fateci caso, ma quasi tutti i paesi ebbero il suo mussolini).

senza dimenticare che in molti furono fascisti, per poi dimenticarsene per opportunità e diventare tra gli antifascisti più radicali.

mussolini=macchietta è una esemplificazione pericolosa, poichè porta a sottostimare i movimenti che lo hanno portato al vertice.

berlusconi=macchietta o peggio berlusconi=mussolini è una litania che sento ripetere dal ‘94.

è facile e senza sforzo definire imbecilli o arrivisti coloro che votano, hanno votato, voteranno mister b., più complicato è ammettere che chi dovrebbe essere l’alternativa abbia una credibilità o abbia fatto, se possibile, danni maggiori.

poi se finalmente si facesse uno sforzo e pensare che la gente che la pensi in maniera differente non sia per forza volgare o inetta o che votare per qualcuno non significhi raffigurarsi nella persona che si vota, forse faremmo un passettino in avanti

Posted in sfogo | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

CHE PAESE E’?

Posted by vitaliano82 su venerdì, 8 gennaio 10

quello dove un finto liberale dice di diminuire le tasse e poi le aumenta,

il suo maggiore antagonista è un buffone dal passato tutt’altro che limpido che è diventato paladino dei giustizialisti,

i giornalisti più considerati sono persone che non fanno inchieste ma mettono insieme pezzi di sentenze facendoli dire tutto quello che vogliono loro,

ci si indigna per via craxi (che può essere pure giusto) ma si può passeggiare tranquillamente in via stalin o stalingrado (immagino corso pol pot),

si fa della pubblicità sulla tv pubblica dove si dice che si paga il canone per essere liberi,

i socialisti stanno più a destra dei democristiani,

dove le persone con più di 60 anni dicono largo ai giovani mentre sono inchiodati alla poltrona,

che paese è?

Posted in opinioni, sfogo | Contrassegnato da tag: , , , , , | 5 Comments »

RADICAL CHIC EROI DELLA TASTIERA

Posted by vitaliano82 su lunedì, 14 dicembre 09

Io sono contro la violenza, sempre, contro ogni persona. Quando si è trattato di criticare Berlusconi l’ho fatto senza problemi. Ma quando a una persona viene letteralmente spaccata la faccia no, non possono esistere distinguo.

Invece gente di bassissimo livello politico come Di Pietro non fa altro che tirare su le vele e gonfiarle con l’odio politico.

Bravo. Complimenti.

Persone che come la Bindi si vogliono ritagliare lo spazio nella radical chic area additano a Berlusconi la causa delle sue stesse ferite.

Brava. Complimenti.

La fogna che è la rete specie nei social network dove imperano babbioni e radical chic, eroi della tastiera, comandanti che guevara del bit, inneggiano all’eroe decerebrato.

Bravi. Complimenti.

Tanto tuonò che piovve. Se questa è la “cultura” dei nonviolenti pacifisti, degli alternativi ad ogni costo, io non ci sto.

Bravi, veramente, complimenti!

Posted in sfogo | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

TENERAMENTE SU RAITRE

Posted by vitaliano82 su lunedì, 23 novembre 09

Dopo aver costretto tante volte la propria lei a vedere la solita domenica pallonara (ma anche martedì, mercoledì e sabato) non si può essere indifferenti alla richiesta di: “vediamo Report?”.

Devo dire che nonostante la mia forte idiosincrasia a tutto ciò che viene prodotto da telekabul (che possiamo anche estendere a tutto il prodotto di mamma rai e la tv generalista), report è una trasmissione che solitamente non mi produce forti fastidi. Ogni tanto gli capita anche qualche bel servizio, anche se la sezione delle goodnews in realtà è di una delle peggiori baggianate che si possono vedere nell’etere, tanto peggiore perchè vengono ammantate dall’aurea del giornalismo d’inchiesta.

Comunque è innegabile che nella mediocrità del livello del giornalismo italico televisivo, questo tipo di trasmissione sia tra le migliori. Riprendendo un detto delle mie parti “nel paese dei cecati, quello ad un occhio è il re”.

O almeno così ricordavo. Già il titolo di ieri mi aveva fatto sentire odore di bruciato, “lotta di poteri”. In soldoni ieri si è fatta una intera puntata di giornalismo di militanza, parlando di come il governo Berlusconi stia esautorando il parlamento delle funzioni con la decretazione d’urgenza e lo strumento del voto di fiducia (fantastica la chicca dell’intervista ad un crucco che diceva che questi sono strumenti che esistevano solo nella repubblica di weimar  e che il naturale epilogo sia stato il nazismo). Solo poche parole sul fatto che di questi strumenti ne abbia abusato uno dei peggiori governi di sempre lo scorso governo Prodi, ma prima di lui tutti gli altri governi dello stivale.

Il problema è ben conosciuto (senza andare a fare ridicole interviste qua e là) il problema sono due camere specchio e una burocrazia per la presentazione di una legge che è mostruosa e che non permette un funzionamento legislativo che non sia pachidermico.

Ps Ieri sera, comunque, la cosa peggiore è stata vedere un pezzetto di Che tempo che fa. Qualcuno può comunicare alla Littizzetto che non fa ridere nessuno?

Posted in sfogo | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

QUESTA E’ L’INFORMAZIONE CHE VOGLIAMO?

Posted by vitaliano82 su sabato, 24 ottobre 09

Dopo Silvio a puttane, Mesiano e i calzini turchesi adesso sappiamo che Marazzo va con i transessuali, si fa di cocaina. E’ questa l’informazione che vogliamo?

Vogliamo un’informazione legata al gossip che se ne fotte della privacy, che distrugge le persone?

Probabilmente Marrazzo ha corrotto e se ha sbagliato pagherà, ma è giusto sputtanare così una persona, vogliamo far decidere all’elettorato o al gossip?

Adesso i giornali saranno pieni di queste notizie e si parlerà sempre meno di un governo che non fa niente per liberalizzare il mercato del lavoro e non taglia le tasse.

Si sta abbassando sempre più il livello di informazione rendendo gravi disservizi anche all’attività politica, ormai un servizio di donna moderna non differisce molto da un fondo di repubblica o del corriere.

Ripeto è questa l’informazione che vogliamo?

Posted in sfogo | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

BASTA!

Posted by vitaliano82 su venerdì, 19 giugno 09

Come si potrà vedere dal numero di articoli pubblicati recentemente sul blog, mi sono astenuto dallo scrivere per un pò. I motivi sono dovuti, non tanto ad una carenza di argomenti, ma quanto alla mia intolleranza verso quello che è diventato l’argomento principale di ogni tipo di approfondimento politico su tutti i media dalla tv alla radio, per non parlare dei giornali (che ormai abbiamo compreso tengano ad una concorrenza verso il basso con testate come Novella 2000 o oltre amenità varie).

Da ormai più di un mese non si parla d’altro che di presunte (o vere, fate voi) storie a sfondo sessual-sentimentale che vedrebbero il nostro premier coinvolto. Chi mi conosce bene sa che non sono un berlusconiano, pur se spesso mi sono trovato (costretto per mancanza di alternative, o perchè male minore) a porre la mia x sul suo nome. Ma questa campagna di stampa che lo vede coinvolto ha dei risvolti che vanno dal penoso-grottesco fino a dare alla cosa tinte fosche e preoccupanti. Andiamo per gradi.

Analizzando il lato più leggero (ma non per questo meno stucchevole) , possiamo vedere lo scadimento verso il basso della comunicazione mediatica, interessata morbosamente, come la peggiore stampa gossipara-scandalistica, a tutte le presunte avventure libidinose di berlusconi.  Sempre meno si parla di argomenti di poco più importanti se Berlusconi ha toccato il culo o meno, come la mezza rivoluzione in Iran, attentati in Somalia, nazionalizzazione dell’economia mondiale (vedi GM, Fiat, Opel), rimedi da piano quinquennale per la crisi mondiale e moltro altro ancora. Niente.  Almeno, di contro, sappiamo tutti se Noemi si è depilata o meno le ascelle. La cosa ridicola è vedere riciclati giornalisti “seri” come Damilano o D’Avanzo o Lerner (che ha definito berlusconi un vecchio bavoso, chapeau) acconciarsi coi vestiti di Signorini. Prendo anche atto, che anche la mia trasmissione radiofonica “La Zanzara” su Radio24 condotta dal pur sempre ottimo Cruciani, ormai non parla d’altro.

Riflessioni più fosche però sono portato a farle su come certa stampa abbia il potere, se lo vuole, di poter sputtanare una persona, cercando di instaurare una crisi capovolgendo il risultato delle elezioni. Sia ben chiaro e lo ripeto: non sono un sostenitore di questo governo, anzi. Ma il fatto che una campagna di stampa basata sulla più bieca spazzatura, possa far cadere un governo eletto, di qualsivoglia colore è una grossa preoccupazione.

Ma quello che reputo più grave è la completa incapacità di una qualsivoglia opposizione a creare un’alternativa seria a Berlusconi. Invece che incalzare il governo su quello che ha promesso e non mantenuto (chessò un Bersani poteva accusare il governo di non aver continuato con le sue liberalizzazioni, o si poteva far notare che le tasse non si stanno abbassando o che le provincie sono sempre lì e tanto altro ancora) si sta cavalcando proprio quest’onda di porcherie, sperando di avre trovato questa volta la chiave di volta per sconfiggere Berlusconi.

Personalmente di tutta questa storia su Berlusca non me ne può fregare di meno, io rimango sempre dell’opinione che se non si va a ledere la libertà altrui si può fare quello che si vuole (anche usare i propri soldini per sovvenzionare il mestiere più antico del mondo) e che un uomo politico e il suo governo vada giudicato su quello che si fa e non  si fa e purtroppo, noto, che su quest’argomento purtroppo si tace.

Posted in sfogo | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

QUANDO C’E’ POCO DA DIRE

Posted by vitaliano82 su martedì, 7 aprile 09

Da ormai otto anni l’Abruzzo è la mia casa. Qui ho studiato, qui ci lavoro. Sempre per lavoro percorro spessissimo quell’autostrada e quei paesi colpiti, anche se vivo nella zona che non è stata toccata dal terremoto.

Vedere quelle foto, i servizi in tv crea in me un forte turbamento. Un sentimento di grosso dolore per le vittime abruzzesi, da chi ha perso tutto fra familiari e amici a chi non ha più un posto dove andare. Purtroppo però provo anche un forte sollievo perchè tra le vittime non ci sono persone che conosco, per aver scampato personalmente questo dramma.

E’ una bruttissima sensazione e forse anche per questo preferisco il silenzio.

Posted in sfogo | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

PERCHE’ (PURTROPPO) ALLA FINE VOTEREI SEMPRE BERLUSCONI

Posted by vitaliano82 su lunedì, 16 febbraio 09

Da tempo immemore, ormai, mi sono convinto che quella rivoluzione liberale tanto scimmiottata e promessa da Berlusconi 15 anni or sono, è solo un sogno, ipotesi irrealizzabile.

Nonostante tutto e mio malgrado ogni volta che mi sono fatto i conti in tasca prima delle elezioni bene o male (soprattutto) mi sono detto che il voto al centrodestra è sempre il minore dei mali, ma che quella sarebbe stata l’ultima mia “fiducia” a quella parte politica.

In questi giorni in cui si annuncia l’alleanza con Mastella mi sono chiesto se questa mia fiducia sempre mal riposta non dovesse finire.

La tentazione è grande, lo ammetto, sentirsi liberi e poter far parte del carrozzone del non li ho votati e li critico.

Sarebbe comodo, sarebbe.  Ma non sarebbe corretto. 

In questo attimo di libertà mi sono immaginato nella cabina, di nuovo solo con la matita e la scheda. Di nuovo tutti quei simboli e dietro quei simboli la certezza: NON PUOI NON SCEGLIERE!

Certo anche senza il mio voto il parlamento andrebbe avanti, io potrei sentirmi libero di non dover fare la scelta di dover schierarmi e la serenità vincerebbe.

Ma il sistema politico è questo: esistono due grandi coalizioni-partito e se si vuole far politica, se ci si vuole occupare di politica all’elezioni bisogna schierarsi.

Si può anche dare un voto di protesta (come ho fatto alla camera quest’anno) ma non si può andare avanti così per molto. Mi dico sempre se le cose non ti piacciono devi cambiarle dall’interno, isolarsi non serve a nulla.

Devo scegliere. Ecco. E se in questo momento fossi in cabina e dovessi scegliere di sicuro non potrei mai votare PD.

Mai potrei dare fiducia a Veltroni e sodali, a D’Alema a Rutelli, a chi non appena è stato al governo ha governato col criterio dello “spendi e tassa”, agli attori dei pessimi governi Prodi, D’Alema, Amato a chi fa del radical chic la propria bandiera a chi gioca a fare l’amerikano con la kefiah.

Ecco perchè voterei Berlusconi. Perchè farebbe meno danni. 

E con buona pace dei miei sogni lib-lib-lib

Posted in sfogo | Contrassegnato da tag: , , , , | 2 Comments »